TEATRO COMUNALE
"ADELAIDE RISTORI"
22 MARZO 2014

"GISELLE"

Balletto in un atto
liberamente ispirato all’omonimo balletto del repertorio
drammaturgia, coreografia e  costumi Eugenio Scigliano
musica: Adolphe C. Adam

in collaborazione con: a.ArtistiAssociati - Circuito Danza F.V.G.

con il sostegno di:
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Direzione generale per lo spettacolo dal vivo

Per affrontare Giselle, caposaldo e sintesi del Romanticismo coreografico, Eugenio Scigliano torna direttamente alle fonti poetiche e letterarie del balletto.

Il coreografo si immerge direttamente nell'atmosfera gotica e notturna tanto cara alle culture nordiche, della quale il tema dell'irresistibile passione amorosa legata al'idea della 'non-morte' è fulcro portante. Con molte altre creature destinate a vagare inquiete nell'aldilà create dalla letteratura romantica ,sono Belle Dames sans Merci, che irretiscono i viandanti e li allontanano dalla realtà . Vilja, Veela, Wilis- comunque si chiamino- queste fanciulle fatali hanno in sé anche una natura demoniaca, tanto da essere assimilate ai vampiri, e come loro sono infatti esseri erotici e mortiferi, implacabili e vendicativi. Di fatto l'altra faccia del feminino romantico, della donna rassicurante e devota, ma anche soffocata dalle regole e liturgie sociali imposte della nuova morale borghese le Wilis sono insomma l'aspetto oscuro e liberato di donne obbligate dalle convenzioni a reprimere le loro pulsioni ed emozioni più profonde.

In questo senso, la fanciulla Giselle inventata da Gauthier diventa l'epitome di una condizione femminile tipica del periodo, fusione perfetta tra la virginale fanciulla obbediente alle regole della società ( e per questo soccombente alla presa di coscienza del tradimento), ma anche suo doppio ribelle e perturbante, seppure disumanizzato.

E così ripensando la traccia dell'antico balletto Scigliano riconduce la vicenda in quella età vittoriana, in una scuola che ricorda assai da vicino l'Appleyard College di Picnic ad Hanging Rock,  dove si educano fanciulle di buona famiglia con rigidi rituali accuratamente pensati per soffocarne le  passioni, ma nel quale è anche sufficiente mettere a contatto l'innocenza dei sentimenti dei più giovani con l'ambiguità cinica degli adulti per fare esplodere un conflitto profondo e sconvolgente tra verità e convenzioni e che tra sogno e realtà ancora una volta cerca di spiegare l'ineffabile natura dell'amore.

info

biglietti:
presso la biglietteria del Teatro Comunale "A. Rsitori"

€ 21,00 intero in tutti i settori,
€ 18,00 ridotto in tutti i settori,
€ 12,00 ridotto tesserati scuole di danza, giovani under 25 e abbonati alla Stagione di Prosa 2013_2014 di Cividale del Friuli in tutti i settori

prevendita:venerdì 21 marzo 2014  con orario 17.00>19.00
prenotazioni: presso il Teatro comunale 0432/731353 - teatroristori@cividale.net
                      Ufficio Cultura: 0432/710350 - cultura@cividale.net