Ordinanza n. 309/2020 _Regolamentazione della circolazione veicolare in Piazza Duomo nelle giornate dell'11.09.2020 e 12.09.2020. Apertura al pubblico di Palazzo De Nordis

In occasione dell’apertura al pubblico del Palazzo de Nordis, sito in Piazza Duomo, prevista venerdì 11 settembre 2020 e agli eventi e alle cerimonie previste per l’inaugurazione della nuova galleria d’arte contemporanea 

per ragioni di ordine tecnico attinenti la viabilità, per le caratteristiche delle strade e delle strutture ad essa pertinenti, con l'ordinanza 309/2020 sono previste le seguenti modifiche alla circolazione veicolare nel centro storico di Cividale del Friuli:

in Piazza Duomo:
a) LA TEMPORANEA SOSPENSIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PER OGNI CATEGORIA DI VEICOLI (come disposto dall’art. 39 Codice della Strada – art. 116 lett. a) del Regolamento di Esecuzione e Attuazione Nuovo C.d.S. – D.P.R. 16.12.1992 nr. 495 – DIVIETO DI TRANSITO - Fig. II 46) dalle ore 08.00 di venerdì 11.09.2020 alle ore 15.00 di sabato 12.09.2020;

b) L’ISTITUZIONE TEMPORANEA DEL DIVIETO DI SOSTA, CON RIMOZIONE FORZATA, per ogni categoria di veicoli, (come disposto da Fig. II 74 art. 120, Modello II 3/a Art. 83 e Modello II 6/m Art. 83 DPR 495/92) dalle ore 08.00 di venerdì 11.09.2020 alle ore 15.00 di sabato 12.09.2020;

c) Di dare atto che dalle ore 15.00 di Sabato 12.09.2020 (in continuità con le prescrizioni definite dal presente provvedimento) verranno mantenuti i medesimi divieti ed obblighi in applicazione della vigente e già esecutiva Ordinanza nr. 210/2020 , sino alle ore 22.00 di Domenica 13.09.2020;

d) In deroga ai divieti di cui sopra all’interno dell’area di Piazza Duomo è ammessa la sosta dei veicoli a servizio delle autorità che parteciperanno alla manifestazione e dei veicoli degli organi di Polizia;

in Via Patriarcato
e) l’istituzione temporanea della circolazione a doppio senso di marcia regolato a SENSO UNICO ALTERNATO A VISTA in Via Patriarcato, per tutta la sua estensione, limitatamente ai soli veicoli di proprietà del Comune di Cividale del Friuli, dei veicoli di soccorso e di polizia e dei veicoli in uso ai frontisti/residenti per raggiungere le autorimesse ubicate lungo la medesima strada.
Nel senso unico alternato in questione la precedenza è riservata ai veicoli aventi direzione di marcia da Piazza Duomo a Piazza San Giovanni (ovvero il normale senso unico di marcia consentito);
In ogni caso la circolazione di tali veicoli in deroga al divieto imposto (senso vietato) dovrà avvenire in condizioni di massima sicurezza e con velocità regolata a “passo d’uomo” e dovrà essere sospesa nel caso di situazioni di pericolo per la sicurezza pubblica o di intralcio.

➢ Per prevalenti ragioni di tutela della pubblica sicurezza, è fatto obbligo all’organizzazione della manifestazione pubblica di attuare, a propria cura e spese, nel rispetto delle indicazioni fornite dalla Direttiva del Capo della Polizia n. 55/OP/0001991/2017/1 del 07.06.2017 e della Prefettura UTG di Udine con Circolare n. 38361/2017 del 20.06.2017, adeguate misure di “security” e di “safety” per tutta l’area interessata,

nonché il rispetto delle indicazioni fornite dalla Direttiva del Ministero dell’Interno n. 11001/1/110/(10) di data 18.07.2018 relativa ai modelli organizzativi e procedurali per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche.

➢ E’ imposto il rigoroso rispetto di tutte le indicazioni e obblighi in materia di contenimento e prevenzione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19 definite dalle vigenti disposizioni nazionali e regionali.

Gli agenti preposti ai servizi di polizia stradale presenti sui luoghi, potranno d’iniziativa e per necessità, adottare ogni ulteriore accorgimento utile a garantire la sicurezza della circolazione o consentire in sicurezza il transito di veicoli “in deroga” per accertate ulteriori esigenze rispetto a quelle già definite.

Il personale del Corpo di Polizia Locale presente sui luoghi potrà, all’esigenza ed in caso di necessità, procedere direttamente anche a temporanee modifiche dei precetti definiti in questo provvedimento allo scopo di garantire il regolare svolgimento dei servizi pubblici o per garantire il rispetto delle vigenti normative nazionali e regionali in materia di prevenzione sanitaria.