L'anima buona di Sezuan - Stagione Teatrale 2021/2022

Martedì 23 e mercoledì 24 novembre ore 21.00

Presso il Teatro Adelaide Ristori Cividale del Friuli

 

L'anima buona di Sezuan

 

tratto dal testo di Bertold Brecht

La protagonista, è la buona Shen Te che indossa denti d'oro, ghigno brutale e una movenza da androide meccanico. Cerca di arrangiarsi difendendo quel poco che possiede, e si scontra con personaggi meschini come il Barbiere arricchito, la Vedova ricattatrice, il Poliziotto, la Proprietaria di Immobili, l'Aviatore senza aereo e, sua madre: un mondo fatto di figure imperiose che si rappresentano e ci rappresentano. La completa povertà circonda il tutto e Shen Te, l'Anima buona, dovrà indossare i panni del cugino cattivo che alla fine sarà stremato, fiaccato con la testa china, vinta, affaticata: cappello nero, occhiali a specchio, denti d'oro strappati via. La protagonista si libera da tutto quel male con fatica, e sotto una massa di capelli rosso fuoco e una sola battuta: “com'è difficile essere cattivi ...”, un raggio di luce improvviso mette l'accento sul quel gesto affaticato.

In quella commedia fatta di esseri straniti e buffi, succubi nei gesti imperiosi come lo sono i servi del sistema, lo sdoppiamento del buono e del cattivo ci riguarda. L'uomo è portato al bene e il male è contro natura. Tutto è molto faticoso. La domanda che ci si pone è: per sopravvivere è necessario zittire la bontà, avere denti d'oro, ghigno brutale e indossare maschere ringhianti?

Ecco la scelta di oggi di riportare in scena “L’Anima buona di Sezuan”.

Il 29 giugno 1940 Bertold Brecht riporta: “sull'Europa calano le ombre di una carestia di dimensioni colossali, cominciano a scarseggiare zucchero e caffè . Non c'è cosa che non dimostri la crescente potenza del Terzo Reich”. Il grande testo ha visto nella versione scenica di Strehler lievitare la sua anima incerta e umana, e oggi si racconta il nostro scoprirci con un popolo dalle maschere di cattivi.

Mentre oggi, quella versione di Strehler è lo specchio di quello che stiamo diventando. Nell’Anima Buona c’è tutta la tenerezza e l’amore per gli esseri umani costretti dalla povertà e dalla sofferenza, a divorarsi gli uni con gli altri. Ma il tutto raccontato con lo sguardo tenero e buffo di chi comprende.

 

Autore                        Bertold Brecht

Produzione                 Best Live - Fondazione Teatro della Toscana

Regia                          Monica Guerritore

Scene di                      Luciano Damiani

Costumi                      Walter Azzini

Protagonista               Monica Guerritore

Attori                          Matteo Cirillo, Alessandro Di Somma, Enzo Gambino, Nicolò Giacalone, Francesco Godina, Diego Migeni e Lucilla Mininno

 

Per informazioni e prenotazioni:

Mail: teatroristori@cividale.net

Tel: 0432 731353